logo 2 top


La mostra del cinema di Venezia

Scritto da
Valuta questo articolo
(0 Voti)

La Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica nasce per l'appunto nella città di Venezia nel mese di Agosto dell'anno 1932, da un'idea del conte Giuseppe Volpi di Misurata e dello scultore Antonio Maraini. Il primo film in assoluto proiettato la sera del 6 Agosto 1932 fu "Il dott. Jekyll" di Rouben Mamoulian, riconosciuto come il "film della fantasia più originale", mentre Fredric March fu decretato migliore attore.

In quell'anno mancava una vera e propria giuria per la scelta e l'assegnazione dei premi, per cui il giudizio fu rimesso al pubblico presente in sala. La seconda edizione si ebbe nel 1934, con l'attribuzione di premi, frutto della collaborazione tra il pubblico e il giudizio di taluni esperti in materia. Al premio, sia per il miglior film italiano che straniero, fu dato il nome di "Coppa Mussolini". Al miglior attore ed alla migliore attrice furono invece consegnate le medaglie d'oro rilasciate dall'Associazione Nazionale Fascista.

Dal 1935 la rassegna, a seguito di un decreto governativo, divenne un appuntamento annuale ed i premi per le migliori interpretazioni presero il nome di "Coppa Volpi". L'anno successivo fu insediata per la prima volta una giuria internazionale e nel 1937 la sede si spostò dall'Hotel Excelsior del Lido di Venezia, ad un Palazzo appositamente edificato, sempre al Lido. In quegli anni, essendo molto pressante e condizionante l'ideologia e la politica del regime fascista, si finì per premiare in special modo, la cinematografia di propaganda. Per tale ragione, gli Stati Uniti, decisero di non prendere più parte alla manifestazione.

Nei primi anni '40, la mostra si svolse in maniera ridotta presso una sala cinematografica di Venezia e soltanto con la partecipazione di film italiani e tedeschi. Nel 1947 ri riparte con una giuria internazionale e finalmente con l'edizione del 1949, sotto la direzione dello sceneggiatore Antonio Petrucci, si ritornò al Lido ed il premio fu denominato Leone di San Marco. In questi anni si affermarono i film di Roberto Rossellini, ma solo nel 1959 vinse il Leone d'Oro per "il Generale della Rovere". Negli anni '50 si affacciò per la prima volta la cinematografia orientale ed in particolare quella giapponese, fino ad allora sconosciuta.

Tra i registi italiani emersero a livello internazionale Fellini ed Antonioni. Negli anni seguenti non mancarono attriti e dissapori sulle premiazioni dei film e degli attori, tanto che la rassegna risultò in crisi, perdendo i connotati di vero e proprio festival: saltarono alcune edizioni e nel 1969 furono addirittura aboliti i premi. A partire dagli anni '80 pian piano la manifestazione riprese i caratteri della competizione ed anche i premi ripresero ad essere assegnati.

La mostra del Cinema di Venezia è uno straordinario concorso, ricco di star e di tanti film che hanno segnato la storia italiana ed internazionale del cinema, benchè sia contornato da polemiche e da imperdonabili mancanze, basti pensare che non sono stati mai premiati nè Tognazzi, nè Gasman, nè Totò, protagonisti indiscussi della cinematografia del '900.

 

Letto 286 volte
Altri alrticoli in questa categoria: « Totò Il Western »

Lascia un commento


I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok